Banner sfondo 1600  I VIAGGI DI AGATA

Antonio VerrielloBisceglie. Non solo Alejandro Arriazu Asensio, Francesco Bonvino e Michele Mongelli. Oltre agli sforzi per questi ultimi, gli uomini mercato del Giovinazzo C5 sono impegnati in queste ore su più fronti, per rinforzare l’organico a disposizione di Roberto Chiereghin. Da oggi, ad esempio, Antonio Verriello è di nuovo un giocatore del club di via Sanseverino. Su di lui c’erano altre squadre (anche di serie B, nda), ma il suo futuro ora sarà nuovamente a tinte biancoverdi: il sodalizio di Antonio Carlucci punterà sul portiere classe ’90, scoperto all’età di 16 anni dai tecnici Gianpaolo Capursi e Angelo Marolla, all’epoca al timone dell’Under 21, con i quali è cresciuto sino ad arrivare alle finali nazionali di categoria, e protagonista dapprima con il Giovinazzo C5 di Massimo Ronconi e poi con quello di Pino Milella. «Li ringrazio ancora oggi – le parole di Verriello – perché mi hanno fatto crescere tantissimo. Sono tornato perché vedo la fame di vittoria negli occhi dei miei compagni di squadra, dei dirigenti ed un entusiasmo contagioso da parte dei tifosi. Forse è il mio ego a parlare, quella parte di me a cui piace vincere a qualsiasi costo. Un po’ come l’allenatore Roberto Chiereghin, che stimo e reputo un grande professionista: uno a cui non piace perdere nemmeno un punto». In uscita, inoltre, si registrano gli svincoli dei portieri Antonio Camporeale (classe ’81), di Luigi De Liso (classe ’92) e dei pivot Michele De Palma (classe ’93) e Gaetano Grosso (classe ’95). Nel ringraziare i quattro ex biancoverdi delle prestazioni offerte e della professionalità espressa, il Giovinazzo C5 augura agli atleti Antonio Camporeale, Luigi De Liso, Michele De Palma e Gaetano Grosso, quattro esempi di professionalità dentro e fuori il campo, le migliori fortune sotto il profilo umano e professionale. «Le nostre strade si separano – dice Gianni Lasorsa - ma siamo consapevoli di quanto abbiano dato alla causa e delle loro straordinarie doti che, ne siamo certi, continueranno a mostrare nel futsal italiano». Ma il mercato del Giovinazzo C5 non è affatto terminato: «In questo periodo si ragiona e si fanno valutazioni perché sappiamo i tasselli che mancano per completare la rosa. Uno è stato Verriello. Adesso – conclude il direttore sportivo giovinazzese - vedremo da qui ad una settimana».

Aggiungi commento

 

Codice di sicurezza
Aggiorna


Antonio VerrielloBisceglie. Non solo Alejandro Arriazu Asensio, Francesco Bonvino e Michele Mongelli. Oltre agli sforzi per questi ultimi, gli uomini mercato del Giovinazzo C5 sono impegnati in queste ore su più fronti, per rinforzare l’organico a disposizione di Roberto Chiereghin. Da oggi, ad esempio, Antonio Verriello è di nuovo un giocatore del club di via Sanseverino. Su di lui c’erano altre squadre (anche di serie B, nda), ma il suo futuro ora sarà nuovamente a tinte biancoverdi: il sodalizio di Antonio Carlucci punterà sul portiere classe ’90, scoperto all’età di 16 anni dai tecnici Gianpaolo Capursi e Angelo Marolla, all’epoca al timone dell’Under 21, con i quali è cresciuto sino ad arrivare alle finali nazionali di categoria, e protagonista dapprima con il Giovinazzo C5 di Massimo Ronconi e poi con quello di Pino Milella. «Li ringrazio ancora oggi – le parole di Verriello – perché mi hanno fatto crescere tantissimo. Sono tornato perché vedo la fame di vittoria negli occhi dei miei compagni di squadra, dei dirigenti ed un entusiasmo contagioso da parte dei tifosi. Forse è il mio ego a parlare, quella parte di me a cui piace vincere a qualsiasi costo. Un po’ come l’allenatore Roberto Chiereghin, che stimo e reputo un grande professionista: uno a cui non piace perdere nemmeno un punto». In uscita, inoltre, si registrano gli svincoli dei portieri Antonio Camporeale (classe ’81), di Luigi De Liso (classe ’92) e dei pivot Michele De Palma (classe ’93) e Gaetano Grosso (classe ’95). Nel ringraziare i quattro ex biancoverdi delle prestazioni offerte e della professionalità espressa, il Giovinazzo C5 augura agli atleti Antonio Camporeale, Luigi De Liso, Michele De Palma e Gaetano Grosso, quattro esempi di professionalità dentro e fuori il campo, le migliori fortune sotto il profilo umano e professionale. «Le nostre strade si separano – dice Gianni Lasorsa - ma siamo consapevoli di quanto abbiano dato alla causa e delle loro straordinarie doti che, ne siamo certi, continueranno a mostrare nel futsal italiano». Ma il mercato del Giovinazzo C5 non è affatto terminato: «In questo periodo si ragiona e si fanno valutazioni perché sappiamo i tasselli che mancano per completare la rosa. Uno è stato Verriello. Adesso – conclude il direttore sportivo giovinazzese - vedremo da qui ad una settimana».

Aggiungi commento

 

Codice di sicurezza
Aggiorna

WEBtv